Cofani funebri: quali tipi esistono

Esistono diverse tipologie di cofani che chi ah perso un proprio caro può scegliere alle onoranze funebri a Milano. Il materiale usato per le casse funebri è il legno, resistente e duraturo. La differenza tra un legno e l’altro è data dal colore, dalla resistenza, dall’estetica e anche dal prezzo.

L’abete rosso è un legno molto usato per le casse funebri, economico ma sempre molto valido. La sua colorazione è chiara, come il miele, le venature sono dritte ed è considerato tra i migliori per questa produzione.

Il larice è un altro legname molto usato in questi casi. Anch’esso ha un colore chiaro, che tende al giallo con venature ampie e dal colore nocciola.

Il mogano è un legno molo pregiato invece, che le onoranze funebri a Milano usano per le casse più costose e decorate. La bra ha un aspetto molto elegante e lussuoso grazie a questo legname che ha un colore bruno con sfumature dorate e rossastre. Le venature sono molto ampie.

Il rovere è un legno che fa parte della famiglia delle querce. Molto diffuso e sostenibile, è molo usato per la realizzatine di cofani funebri. Il suo colore è bruno con tocchi rossastri. La sua resistenza è molo alta e infatti è considerato un legname di alta qualità.

Un’altra scelta costosa e pregiata per le casse funebri è il noce. Questo legno ha un colore bruno che tende al nocciola. È una questione di gusti: la famiglia sceglie in base a quale sembra più bella e adatta.

Il faggio è un legname molo diffuso che si trova facilmente. Si usa da sempre per realizzare i cofani funebri. La sua colorazione è chiara, con venature dritte e strette ma molo regolari dal colore un po’ più scuro.

Noto per esser un legno praticamente nero, l’ebano può essere adatto alle casse funebri, le quali che assumono un aspetto davvero molto sontuoso e ricercato.

La resistenza del ciliegio è il motivo per cui si usa questo legname per questo tipo di produzione. Ha delle bellissime sfumature di colore con venature che tendono al rossiccio.

Potrebbero interessarti anche...